Avviso di Gara – Progettazione ex Macello Comunale

05 Maggio 2021 – Si informa che sul Mercato Elettronico delle Pubbliche Amministrazioni (www.acquistinretepa.it) è pubblicato l’appalto per l’affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura di direzione dei lavori e coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione dei “PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA PER LAVORI DI ADEGUAMENTO SISMICO EX MACELLO COMUNALE FINALIZZATO ALLA TRASFORMAZIONE A CENTRO DI ASCOLTO E PROMOZIONE DELL’ATTIVITÀ’ SPORTIVA” – RdO n. 2796868 ed è accessibile a tutti gli operatori economici abilitati al Bando MEPA per “Servizi professionali progettazione, verifica della progettazione, coordinamento della sicurezza e direzione dei lavori per opere di ingegneria civile e industriale (SERVIZI)” (cosiddetta “RDO Aperta”).
L’affidamento in oggetto avverrà con procedura negoziata, ai sensi dell’art. 63 del D.lgs n. 50/2016, in ossequio all’art. 1 comma 2 del D.L. 76/2020 convertito in L. 120/2020 e verrà aggiudicato con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo, ai sensi dell’art. 95, comma 2, del D.lgs n. 50/2016.
Il luogo di svolgimento dell’appalto e nel Comune di Santa Maria a Vico, Codice NUTS IT. C.U.P. D84I19004070002 – C.I.G. 8740368BD6.
La procedura verrà espletata (ai sensi dell’art. 58 del D.lgs. 50/2016) in modalità telematica, mediante la piattaforma MEPA istituita da Consip S.p.A.
L’importo complessivo delle attività posto a base di gara è pari a 105.802,43 (diconsi euro centocinquemilaottocentodue/43), IVA e Casse Previdenziali escluse.
L’appalto prevede in caso di finanziamento dei lavori l’opzione di affidamento allo stesso progettista della successiva attività di Direzione dei lavori e Coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione per l’importo di € 80.250,80 oltre Inarcassa ed IVA come per legge. Il progettista avrà a disposizione la somma di € 9.003,27 per le indagini geologiche e geotecniche. Pertanto, ai sensi dell’art. 35 del D.L.vo 50/2016, l’importo cumulato delle prestazioni è pari ad € 195.056,50.
Si evidenzia che il sopralluogo assistito è obbligatorio e va concordato con la Stazione Appaltante come previsto nel Disciplinare di Gara.
Gli operatori economici in possesso dei requisiti prescritti dal Disciplinare di Gara e che abbiano ricevuto la lettera d’invito dovranno presentare la propria offerta tramite il portale MEPA (www.acquistinretepa.it) in corrispondenza della RDO n. 2796868 entro e non oltre le ore 18:00 del giorno 18.06.2021 (scadenza prorogata in data 05.06.2021).
Per tutto quanto sopra, i soggetti di cui all’art. 45 del D.lgs. 50/2016, in possesso dei requisiti previsti nel presente Disciplinare, possono formulare la propria offerta per l’affidamento dell’appalto.
Si invitano quindi i concorrenti a prendere visione del manuale di utilizzo della Piattaforma telematica.
La documentazione di gara comprende:
Documento preliminare alla progettazione (clicca qui);
– Progetto del servizio (clicca qui);
Lettera d’invito (clicca qui), Disciplinare di gara modificato in data 05.06.2021 (clicca qui) e relativi allegati (clicca qui).
La documentazione di gara, con esclusione del progetto definitivo per cui si rimanda a quanto scritto sopra, è disponibile sul sito web istituzionale del Comune di Santa Maria a Vico.
La presente pubblicazione assolve gli obblighi di pubblicità definiti dalla L. 120/2020 per l’utilizzo delle semplificazioni ivi previste.

Chiarimenti:

1 – Domanda:si chiede se come specificato da disciplinare al punto: 2.Con riferimento alla tavola Z-1 allegata al D.M. 17 giugno 2016, ai sensi dell’articolo 8 del medesimo decreto “gradi di complessità maggiore qualificano anche per opere di complessità inferiore all’interno della stessa categoria d’opera”. possiamo partecipare in possesso digradi di complessità maggiore con la E 09; E 12; E 20 alla vostra E 11; e con IA 04; con la vostra IA 02“. Risposta: è sempre consentito partecipare alla procedura se in possesso di requisiti adeguati a quelli fissati dal disciplinari per categorie d’opera con gradi di complessità maggiore rispetto a quelli richiesti nella legge di gara.

2 – Domanda:In riferimento al Criterio A “Professionalità ed adeguatezza dell’offerta” si chiede di sapere se i sub-criteri di valutazione 1.1-1.2-1.3 devono essere riferiti singolarmente a ciascuno dei 3 servizi richiesti oppure complessivamente a tutti i 3 servizi richiesti. Per esempio: il servizio n. 1 deve rispondere al sub-criterio 1.1. del Criterio A, il servizio n. 2 devo rispondere al sub-criterio 1.2 del Criterio A e il servizio n. 3 deve rispondere al sub-criterio 1.3 oppure i 3 servizi devono rispondere tutti e 3 ai sub-criteri 1.1-1.2-1.3?“. Risposta: Ciascuno dei tre servizi sarà valutato in relazione a tutti i subcriteri del criterio A.

3 – Domanda:In riferimento al sub-criterio 1.1 del Criterio A si chiede di chiarire quali siano gli obiettivi della Stazione Appaltante dal punto di vista strutturale“. Risposta: L’obiettivo è specificato nel criterio.

4 – Domanda:In riferimento al sub-criterio 1.1. del Criterio B si chiede di specificare quali siano i “vincoli correlati”. Risposta: I vincoli sono di natura areale e di destinazione. Nello specifico si legga il Documento preliminare alla progettazione.

5 – Domanda:In riferimento al Disciplinare di Gara si chiede di sapere se i servizi attinenti all’Architettura e all’Ingegneria di cui al paragrafo 4.3 “Requisiti di capacità tecnica e professionale” devono essere tra quelli richiesti al Capitolo 11 SEZIONE “OFFERTA TECNICA”. In caso negativo, si chiede di sapere se i 3 servizi illustranti le capacità professionali del concorrente richiesti al Capitolo 11 SEZIONE “OFFERTA TECNICA” devono essere stati svolti negli ultimi 10 anni oppure posso essere stati svolti in un periodo temporale più lungo”. Risposta: Il requisito è riferito agli ultimi 10 anni.

6 – Domanda:In riferimento a quanto scritto nel Disciplinare di Gara al Capitolo 2. “SOGGETTI AMMESSI ALLA GARA” Paragrafo 3. Punto b) si chiede di chiarire se la frase “lavori di adeguamento sismico di edifici scolastici” è da considerare un refuso, trattandosi di un progetto che prevede un intervento di demolizione e ricostruzione, come indicato nel “DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA” alla pag. 2 con la seguente frase “A tal fine l’Ente ha deciso di procedere mediante demolizione e ricostruzione, in precarie condizioni statiche”. In caso affermativo, si chiede di indicare a quale tipologia di lavori devono fare riferimento i due servizi.”. Risposta: Trattasi di refuso corretto nel disciplinare modificato.

Il Responsabile Unico del Procedimento
F.to ing. Valentino Ferrara

1 Trackback