Covid-19 (coronavirus) – Informazioni per i cittadini

Norme generali di igiene

Tutte le persone devono attenersi alle seguenti disposizioni:

  • Lavarsi spesso le mani;
  • Indossare una mascherina per uscire all’aperto;
  • Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  • Evitare abbracci e strette di mano;
  • Mantenere, nei contatti sociali, una distanza tra persone di almeno un metro;
  • Starnutire e/o tossire in un fazzoletto, evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie;
  • Evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri;
  • Non toccare occhi, naso e bocca con le mani;
  • Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
  • Non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  • Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
  • Utilizzare i guanti per fare acquisti presso gli esercizi commerciali che permettono il prelievo autonomo delle merci dagli scaffali.

Uscire

  • Per recarsi fuori casa è necessario indossare una mascherina protettiva;
  • I negozi alimentari e supermercati sono aperti al pubblico coi normali orari;
  • Le farmacie restano aperte coi normali orari;
  • È consentito passeggiare all’aperto, mantenendo una distanza di almeno un metro fra persone e utilizzando una mascherina.

Attenzione:

Chi ha sintomi da infezione respiratoria (tosse, raffreddore) e febbre maggiore di 37,5°C deve restare a casa propria, limitare al massimo i contatti sociali e contattare telefonicamente il proprio medico curante.

Aggiornamento del 26 ottobre 2020

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il 24 ottobre il D.P.C.M. contenente le nuove misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Il testo completo, così come pubblicato in Gazzetta Ufficiale, è consultabile cliccando qui – DPCM del 24 ottobre 2020

Sono altresì disponibili per la consultazione gli allegati al DPCM al seguente link – Allegati al DPCM 24/10/2020

Divieto di feste private al chiuso o all’aperto

Sono vietate le feste private al chiuso o all’aperto, fatte salve quelle conseguenti alle cerimonie civili o religiose, che possono svolgersi con la presenza massima di 30 persone;

Si raccomanda di non invitare a cene, pranzi, feste più di 4 ospiti.

Prescrizioni per ristoranti e bar

Ristoranti e bar chiudono alle ore 18:00 e possono aprire alle 5:00;

Dalle 18:00 e fino alle 22:30 (in Regione Campania) sarà possibile ordinare alimenti da asporto o con consegna a domicilio.

Restano chiuse le sale da ballo e le discoteche, sia all’aperto che al chiuso.

Divieto di gite scolastiche e similari

Sono vietate le gite scolastiche, i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche.

Obbligo di mascherine in luoghi chiusi o all’aperto

È fatto obbligo di indossare mascherine nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto, ad eccezione di quando si è soli.

Dall’obbligo è escluso chi fa attività sportiva, i bambini sotto i 6 anni, i soggetti con patologie e disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.

iene inoltre fortemente raccomandato l’utilizzo dei dispositivi anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi.

Manifestazioni pubbliche

Sono consentite solo in forma statica, a condizione che siano osservate le distanze prescritte e le altre misure di contenimento.

Accesso a luoghi di culto

Occorre rispettare le apposite misure organizzative per evitare assembramenti.

Musei, istituti e luoghi della cultura

È possibile visitare i musei, istituti e luoghi culturali in genere del territorio regionale, a condizione che sia garantita la fruizione in modalità contingentata o tale da evitare assembramenti e da consentire che i visitatori possano rispettare la distanza tra loro di almeno un metro.

Cinema, teatri e concerti

Sono sospesi gli spettacoli cinematografici, teatrali e i concerti.

Stadi

Il pubblico non può accedere agli stadi.

Sport

Sono vietate tutte le gare, le competizioni e tutte le attività connesse agli sport di contatto, espletati a carattere amatoriale.

Gli sport di contatto sono consentiti solo per le società professionistiche, a livello sia agonistico che di base, dalle associazioni e società dilettantistiche riconosciute dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e dal Comitato italiano paralimpico (CIP).

È attualmente sospesa l’attività di palestre, piscine e assimilati, salvo che collegate a strutture sanitarie di riabilitazione